Athlantis – Intervista!

Eraskor abbigliamento metal

Giunge alla quarta fatica discografica il progetto musicale Athlantis di Steve Vawamas , bassista di Mastercastle, Ruxt, Bellathrix ed ex Shadows of Steel. Sempre ricco di ospiti d’eccezione, il nuovo album presenta pezzi di classe e dinamicità, ecco la nostra intervista!athlantis-logo-white

1. Ciao Steve, ciao ragazzi, dopo aver dato spazio al progetto Ruxt, è giunta l’ora di passare a questo nuovo capitolo di Athlantis. Chi di voi ci presenta Chapter IV?

Ciao carissimo…inizio col dire che questo progetto è in toto un mio progetto nel senso che sono io colui che scrive i pezzi e che chiama i musicisti per farne parte…diciamo il potere decisionale su tutto…è un side project e in questo Chapter IV mi avvalgo di ottimi musicisti del calibro di : Alle pelli Francessco La Rosa, alle chitarre Pier Gonella e Gianfranco Puggioni, alla voce Alessio Calanriello e al basso e tastiere io. Come ospiti abbiamo Roberto Tiranti, Davide Dell’orto, Francesco Ciapica (Jack Spider) alle voci. Per finire abbiamo anche alla batteria Barbara D’Alessio. Il disco è stato registrato ai MusicArt studio di Rapallo di Pier Gonella ed esce per la Diamonds Prod

2. Un album in perfetto stile power metal, tanti grandi ospiti e alcune song di classe elevata. Quanto tempo ha richiesto la sua realizzazione?

Mah guarda …….il progetto nasce interamente nel mio studio come pre produzione..in pratica registro tutte le chitarre il basso e programmo la batteria poi tiro giù una linea melodica che sarà poi la linea vocale….una volta fatto tutto questo lavoro creativo e di arrangiamento allora passo le varie parti ai musicisti che faranno parte del progetto….e a quel punto si entra in studio e si inizia a registrare…diciamo che il lavoro più grosso è creare tutto…poi in studio il resto è sempre filato tutto liscio come l’olio!!! Diciamo che essendo Athlantis un side project e io sono impegnato su molti fronti l’album viene fuori da quei momenti di pausa tra un impegno e l’altroathlantis-picture-2017

3. Cosa lo differenzia dalle precedenti uscite

Quando creo la mia musica cerco sempre di non seguire uno stile oppure un genere ben preciso…lavoro soprattutto di sentimento e di quel che provo in quel determinato periodo….mentre il primo disco Athlantis era power speed, il terzo disco M.W.N.D era per lo più hard heavy con pochi pezzi speed..dico questo per farti capire che i miei pezzi che tiro giù vanno a sensazioni stati d’animo…in questo album sono tornato allo speed e al prossimo al quale sto lavorando ho preso un altra direzione non distante dai precedenti…ma sicuramente diverso

4. Quali tematiche sono state materializzate nei 10 pezzi presenti nell’album, parliamo di un concept o storie diverse tra loro?

I pezzi cantati da Alessio Calandriello formano il concept che narra: un samurai votato all’onore e alla battaglia, Roul Bees, nel mezzo di una guerra senza fine, viene travolto da un fenomeno inspiegabile e colmo di terrore che lo trasporta in un’altra realtà. Svegliatosi quasi morto per le ferite e lo shock dovuto al viaggio attraverso il buco nero, si sente perduto, disorientato… Dopo essersi ripreso, imbracciando la sua fedele spada, decide di esplorare il luogo e di affrontare ciò che lo aspetta. Non avendo idea di dove si trovi, crede di essere stato trasportato nel futuro, ma non vede nulla di nuovo, solo deserto e gli unici umani che incontra sono selvaggi pronti ad uccidere un loro simile pur di sopravvivere. Tuttavia, Roul si sente vivo e sente di essere stato chiamato per compiere il suo destino ed è deciso ad andare avanti con le sue forze, incitato da una voce, la stessa che ha udito poco prima di risvegliarsi in quel mondo desolato. Nel mezzo di un deserto arido e senza fine, intravede una figura…colui che lo ha chiamato in questo mondo vuole che ora vi metta fine, quel mondo deve ricominciare da zero. Roul è stato creato solo per questo scopo, sacrificarsi per dare nuova vita alla Terra. Si rende conto di trovarsi nel passato e che la sua decisione porterà alla nascita del mondo che già lui conosce…inserisce il codice sognando un nuovo inizio…
mentre gli altri pezzi sono storie a se…ognuno ha cantato le proprie emozioni…

5. Cosa rappresenta la donna con una spada raffigurata sulla cover art work?

In principio la copertina doveva presentare un samurai…e trovare un’immagine non scontata che già non fosse sul web era difficile…per fortuna che nei Mastercastle milita Giorgia Gueglio che oltre ad essere la brava cantante che tutti conosciamo è anche una appassionata al dipinto e proprio tra i suoi quadri vi era una donna guerriera con una spada in mano che aveva dipinto in passato….le ho chiesto se potevo utilizzare quel disegno per la copertina di questo album e lei ha accettato con gran piacere….non poteva esser miglior soluzione questa!!!

6. Leggendo la vostra biografia, ho letto che il vostro secondo capitolo “Metalmorphosis” non ha mai visto la luce, perché è ancora fermo in un cassetto e quando arriverà questo momento

Purtroppo questa è una domanda che a distanza di dieci anni dalla realizzazione mi sto facendo anche io….questo momento di farlo uscire sono sicuro che arriverà prima o poi accadrà qualcosa…

7. Ogni vostra uscita discografica è avvenuta tramite etichette diverse. Coincidenza o scelta dovuta

Diciamo tre dischi tre etichette….l’etichetta del primo disco è la stessa che non fa uscire il secondo quindi come potevo portare la mia arte avanti se non ne sceglievo un altra? allora sono stato contattato dalla tedesca Icewarrior record che interessata al secondo lavoro ma impossibilitato dal farlo uscire abbiamo trovato un accordo per fare il terzo disco MWND….con i tedeschi ragionare purtroppo non è facile…per fortuna che ho conosciuto il capitano della Diamonds prod una persona seria appassionata che nel suo piccolo fa il suo lavoro nel migliore dei modi….dico piccolo che poi tanto piccolo non è…per me è grande!!! sono convinto che questo suo modo di lavorare e il mio modo di lavorare ci terrà stretti in molti altri lavori

8. Steve, dopo 14 anni di attività, possiamo ritenere gli Athlantis una band a tutti gli effetti, oppure un tuo progetto solista?

A questa domanda mi sembra di aver già risposto sopra…ma rispondo di nuovo con tanto piacere…diciamo che i Mastercastle i Ruxt sono delle band concrete e mi portano via parecchio tempo per non parlare degli altri progetti dove io suono. Athlantis rimane un mio side project…le mie idee il mio tempo libero dagli impegni con le altre band lo passo li a studiare arrangiare e registrare parti che poi saranno un nuovo disco Athlantis….gli Athlantis saranno per sempre un mio progetto solista….è una mia creatura e tale lo sarà per sempre!!!

9. Porterete su di un palco i nuovi pezzi? Date da segnalarci?

Purtroppo per ora ritengo questo progetto solo da studio…con gli impegni di tutti i musicisti sarebbe veramente complicato portarlo on stage…ma sai nella vita non si sa mai!!! tutto può succedere….la vedo dura…per portare un progetto sul palco ci vogliono ore ed ore di saletta per creare un certo feeling….e questo porterebbe via parecchio tempo….ma ripeto nella vita non si sa mai!!!

10. Grazie per il tuo tempo, alla prossima occasione.

Grazie a te Ermanno e grazie a tutti i lettori del vostro blog…sono contento del fatto che persone come te portano avanti questa passione per la musica e per le bands underground….un saluto a tutti i lettori ringraziandovi di aver letto questa bella chiaccherata!!! Stay metal e seguiteci su facebook.com/athlantis oppure nel sito della Diamondsprod.it per tutte le prossime novità!!!!

 

Athlantis – Chapter IV (Diamonds Prod. / Nadir Promotion 2017)

athlantis-chapter-IV-cover

 

Tracklist:

  1. The Terror Begins
  2. Master Of My Fate
  3. Ronin
  4. Our Life
  5. The Endless Road
  6. Crock Of Moud
  7. Face Your Destiny
  8. Just Fantasy
  9. reset
  10. The Final Scream

Line Up:

  • Steve Vawamas – basso, tastiere
  • Francessco La Rosa – batteria
  • Pier Gonella – chitarra
  • Gianfranco Puggioni – chitarra
  • Alessio Calanriello – voce
  • Roberto Tiranti – voce (ospite)
  • Davide Dell’orto – voce (ospite)
  • Francesco Ciapica (Jack Spider) – voce (ospite)
  • Barbara D’Alessio – batteria (ospite)

Web:

 

rhapsody-of-fire-from-chaos-to-eternity-toppa-linkblog

 

RHAPSODY OF FIRE – From Chaos To Eternity (Toppa Piccola € 3,99) www.eraskor.com

 

 

(Ermanno Martignano)

Fai conoscere il nostro articolo:

    • Scoop.it

    blog metal eraskor

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    *