Witchunter – Intervista!

Eraskor abbigliamento metal

Grande sensazione quella di ripiombare nei mitici anni ottanta con l’ascolto di “Back On The Hunt” dei Witchunter. Speed metal, rock ‘n’ roll, classic metal….un rovente ritorno che sprigiona un grande delirio mentale!

witchunter-logo

Risponde alle nostre domande Steve Di Leo (voce)

1. Benvenuti ragazzi, un demo, e un album prima di questa nuova frustata metallica che continua a girare a ripetizione nel mio lettore cd, fateci una breve biografia della vostra carriera artistica

Un saluto a tutti i lettori e a te Ermanno, grazie!
La storia dei Witchunter nasce ormai 10 anni fa da un’ idea del chitarrista solista Federico “Ace” Iustini. Ancora ricordo quando mi propose di far parte della band insieme a lui e al nostro primo batterista Andrea “BOSS” Capece! Da li oltre ad una grande amicizia è partito tutto, vari cambi di formazione fino all’arrivo di Silvio “Chuk” Verdecchia al basso. Eravamo pronti! In questi anni, partendo dal demo autoprodotto nel 2008 “Witchunter”, riproposto in vinile dalla Heavy Forces Records, in uno split con greci Witchcurse dal titolo “Defenders of the Past”, siamo giunti nel 2010 al nostro primo album “Crystal Demons” prodotto in CD dall’italiana My Graveyard Productions e nella versione in vinile dalla tedesca High Roller Records. Nel 2011 abbiamo intrapreso un tour europeo di supporto ai Baphomet’s Blood; 11 date europee dalle quali abbiamo estrapolato il mini-live “Alive in Europe”, stampato in 7 pollici dalla Blasphemous Art Records, in collaborazione con l’Iron Bonehead.

Sempre la Blasphemous Art Records, dopo alcuni anni di inattività nei lavori di registrazione e assestamenti nella line-up, si è occupata della produzione del nostro ultimo lavoro “Back On The Hunt”, rispettivamente nella versione in vinile e CD.
In questi 10 anni inoltre molti e molti live..

2. Crystal Demons esce nel 2010, Back To The Hunt nel 2016 per Blaphemous Art Productions, come mai tutto questo tempo prima di pubblicare il nuovo album?

Purtroppo nel corso dell’esistenza accadono troppe cose e quando succedono tutte in fretta ed in successione, a volte , impazzisci. In realtà i Withchunter non si sono mai separati e non hanno mai pensato di farlo, e solo stato un periodo “strano”, ma è come se non fosse mai accaduto. Personalmente era come essere sospeso nel tempo, nel backstage prima di entrare sul palco!

La cosa che conta è che siamo tornati ufficialmente in sella, con una nuova formazione
e grazie alla collaborazione di Tony Urso e alla sua Blasphemous Art Productions abbiamo partorito Back on the Hunt! Ora siamo tornati sul palco per rimanere molto a lungo, vi do la mia parola!whitchunter-band-2017-big

3. Si possono riscontrare sostanziali differenze tra le due uscite?

Sicuramente si, credo sia evidente. Probabilmente una scelta stilistica più accurata e un grande lavoro alle pelli fatto da Luca “The Filter” Cetroni, il nuovo acquisto della band . E’ cresciuta anche l’empatia tra Fedrico Ace e Silvio , che ora si trova alla chitarra. Questo ha fatto in modo di sviluppare ulteriormente il il già bellissimo lavoro che Federico aveva compiuto precedentemente. Probabilmente un disco piu’ maturo rispetto al precedente.. in fondo è giusto che sia cosi.

4. Energici, dirompenti e un sound scarno e grezzo come nei gloriosi anni ottanta, ognuno di voi sarà stato influenzato sicuramente da band diverse, volete elencarci quelle che ritenete siano per voi le più rappresentative?

Esatto, ci sono moltissime band che ci accomunano per vari fattori, per elencarne alcune posso dirti Kiss, Deep Purple, Thin Lizzy, Judas Priest e band NWOBHM come Jaguar Tank Satan.. ma l’elenco è piuttosto ampio! Diciamo che spazia dagli anni ’60 ai primi del ’90. Per quanto riguarda invece il discorso live , una cosa che in particolare ci accomuna è quella di volere uno show potente e senza compromessi, una caratteristica su cui costantemente lavoriamo e cerchiamo di trasmettere sul palco e in studio, perchè ci piace cosi!

5. Parliamo di un concept album?

No, questo albun rispecchia quello che siamo, le nostre canzoni parlano di situazioni vissute, istanti di vita “strani” che poi trascriviamo, ma non è stato strutturato per essere un concept.

6. Un Artwork chiede sempre grande attenzione e impatto per attrarre la curiosità di un fruitore musicale, come è ricaduta la scelta su Paolo Girardi?

Per questa nuova uscita volevamo qualcosa di straordinario, bello da vedere oltre che da ascoltare e da un pò di tempo stavamo osservando i lavori di Paolo Girardi che oltre ad essere un grandissimo artista e anche un nostro grande amico. Come si dice , la persona giusta al momento giusto!

7. Come mai la decisione di coverizzare Achilles Last Stand dei Led Zeppelin, e perché la scelta di includere Are You Ready solo nella versione cd?

I Led Zeppelin rientrano tra le grandi band che seguiamo da sempre ed Achilles Last Stand è per noi un grande pezzo che come detto anche da Federico “Ace” Iustini in altre recensioni ha una vena Heavy Metal che abbiamo sempre percepito. Dunque ci siamo messi in gioco.
Per qunto riguarda i Thin Lizzy abbiamo una passione sfegatata che ci accomuna anche con Tony della Blasphemous Art Productions, ed è stato un omaggio a questa grandissima rock band ; volendo differenziare le due uscite una in CD e l’altra in Vinile è stato deciso di optare per questa soluzione.

8. State promuovendo l’album dal vivo in questo periodo? Date da segnalarci?

Si è devo dire che il lavoro procede bene. Prossime date in programma sono: 26 Maggio a Roma al Defrag, il 27 Maggio a Tuoro sul Trasimeno al Circolo Supernova, il 17 Giugno a Bologna al Freakout Club ed il 16 Settembre all’Heavy Metal Night X .
Colgo L’occasione anche per ringraziare tutti gli organizzatori delle varie date passate e future! Grazie! In più ci sono succulenti novità che potrete seguire sulla nostra pagina facebook.

9. Sono passati alcuni mesi dall’uscita di questo full lenght, avete già qualche idea per il suo successore?

Certo che si! Bolle sempre qualcosa in pentola..!

10. Grazie per il vostro tempo, lascio a voi le considerazioni finali.

Grazie a te Ermanno per la possibilità di palare con voi e a tutti i lettori. Questo è un grande servizio che ci permette di far conoscere la nostra musica e ci perette di rimanere in contatto con tutte le persone che ci seguono!

Speriamo di vedervi nelle prossime date Live !
Un saluto da Steve Di Leo e da tutti i Witchunter !
HELL FOR LEATHER !!!

 

Witchunter – Back On The Hunt (Blasphemous Art Productions 2016)

witchunter-back-on-the-hunt-coverTracklist:

  1. Back on the Hunt
  2. Lady in White
  3. Vultures Stalking
  4. Hounds of Rock
  5. Nightmare
  6. Midnight Sin
  7. Loosing Control
  8. Lucifer’s Blade
  9. Achilles Last Stand
  10. Are You Ready (bonus track)

 

Line Up:

  • Steve Di Leo – voce
  • Federico “Ace” Iustini – chitarra solista, voce
  • Silvio “Chuck” Verdecchia – chitarra
  • Fabrizio Rosati – basso
  • Luca “The Filter” Cetroni – bateria

Web:

 

(Ermanno Martignano)

 

coven-blessed-is-the-black-toppa-linkblog

 

COVEN – Blessed Is The Black (Toppa Piccola € 3,99) www.eraskor.com

 

Fai conoscere il nostro articolo:

    • Scoop.it

    blog metal eraskor

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    *