Masking The Hate – On Stranger Tides (Ep 2015)

Eraskor abbigliamento metal

masking the hate - coverFormati dalla ceneri dei This Time Bleed, i campani Masking The Hate assumono nuove sembianze con un cambio di pelle radicale, accantonando lo stile precedente deth-core per abbracciare quello dei suoni celtici e della natura incontaminata.
Passato un anno nelle nuove sembianze musicali, i ragazzi danno alle stampe quest’autoproduzione dalle enormi potenzialità.

Suoni celtici fusi al black metal, creano paesaggi suggestivi e fantasy, dai tratti malinconici. I loro suoni ancorati ai primi anni novanta, possono accostarsi in parte a band quali Bathory, Enslaved, Ensiferum, Elvenking, Furor Gallico, Grand Magus ed Einherjer.

Cominciando dal preludio che potrebbe benissimo far parte di una colonna sonora per un film su questo genere, si preme subito il pedale dell’acceleratore con la successiva “Urnield”, pezzo dove l’ombra degli Einherjer è ben udibile. Si procede con “Bloodyland”, pezzo mid tempo con un inizio tipico Sabatoniano, suggestivo e ricco di fascino, “Unforgiven Angel”, pezzo avvolto in una nebbia malinconica e che a volte può creare la visione di paesaggi suggestivi e sconfinati. Pezzo di grande fascino ed effetto. Si chiude con “On Stranger Tides, dove il black riemerge racchiudendo a se indelebile romanticismo. Partenza sicuramente “azzeccata”, un ep che si ascolta con assoluto piacere e coinvolgimento, scaricabile gratuitamente nel sito della band.

Time: 19:16
Voto: 75/ 100

 

Tracklist:

1. Prelude
2. Urnield
3. Bloodyland
4. Unforgiven Angel
5. On Stranger Tides

Line Up:
• Simone Aruta (Grave) – chitarra ritmica, voce
• Gennaro Landolfi (Hate) – batteria
• Guido della Gatta (Suffocate) – basso, voce
• Pasquale D’Angelo (Plague) – chitarra solista, voce
• Andrea Di Michele (Vague) – synth, keyboard & EFX

Web:
Masking The Hate Website
Masking The Hate Facebook
Masking The Hate Soundcloud

 

(Ermanno Martignano)

Fai conoscere il nostro articolo:

    • Scoop.it

    blog metal eraskor

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    *